Migliore tagliacapelli di 2020

Perché è utile avere un tagliacapelli? Quali caratteristiche hanno questi apparecchi? Molte persone, in particolar modo gli uomini, scelgono di acquistare un tagliacapelli per poter accorciare i capelli in maniera autonoma. In effetti questo mercato è piuttosto ampio, e per poter comprendere quale sia l’oggetto giusto da acquistare ci sono tantissimi elementi da considerare. Infatti esistono dei tagliacapelli che possono essere utilizzati anche per la barba, mentre altri non sono adatti a questo scopo. Esistono poi prodotti con più o meno funzioni, e la decisione di acquisto dipenderà dalle proprie personali esigenze. Inoltre alcuni tagliacapelli hanno il cavo mentre altri no. Le cose da considerare, riassumendole, dal punto di vista tecnico. sono le seguenti:

  • Lame e pettini
  • Alimentazione
  • Funzioni
  • Dimensioni
  • Accessori

Di seguito vi guidiamo passo passo nella scelta del miglior tagliacapelli dicendovi tutto quello che dovete sapere al riguardo, così da fare la giusta scelta senza sbagliare.

Le lame e i pettini regolatori

Questo è uno degli elementi più importanti e da non sottovalutare nell’acquisto di un tagliacapelli di qualità. Per quale motivo? Perché le lame sono alla base del taglio e comportano una maggiore o minore scorrevolezza, da cui dipende anche il taglio finale dei capelli dal punto di vista estetico. Proprio le lame inoltre fanno la differenza tra questi apparecchi e quelli per la barba. L’ampiezza delle lame è infatti maggiore e va dai 40 ai 45 millimetri. Infatti, quando si tagliano i capelli, bisogna ovviamente coprire una superficie maggiore rispetto a quella interessata dalla barba e in tal modo il lavoro può risultare più omogeneo ma anche più veloce.

La forma delle lame può variare in base ai diversi modelli. Ci sono infatti lame rivestite da materiale più morbido, perfette per coloro che tagliano i capelli molto corti, così da non avvertire dolore o fastidio. Si trovano in commercio modelli con punte squadrate e altri con punte arrotondate. La scelta dipende dalle esigenze personali e dalla propria mano nel tagliare i capelli.

Le lame dei tagliacapelli possono essere realizzate in materiali differenti tra loro:

  • Acciaio Inox: si tratta di lame resistenti e che portano a un buon risultato nel taglio dei capelli;
  • Ceramica: queste lame sono meno resistenti agli urti rispetto alle altre, e dunque più fragili; il taglio che ne deriva è comunque deciso e il risultato soddisfacente;
  • Titanio: tali lame offrono un taglio molto deciso e sono anche resistenti ma allo stesso tempo leggere.
I pettini regolatori sono fondamentali quanto le lame. Grazie ai pettini regolatori, è possibile impostare differenti lunghezze per il taglio dei capelli. Ogni modello è a sé stante e può possedere più o meno pettini regolatori da poter utilizzare per tagliare i capelli. Esistono comunque molti tagliacapelli che possono tagliare anche a zero i capelli, per chi li gradisce in questo modo. Bisogna specificare comunque che, la maggior parte di questi oggetti, ha come lunghezza minima di taglio 0,4 millimetri che porta comunque a dei capelli molto corti.

Alimentazione

Anche l’alimentazione è un elemento fondamentale da considerare per l’acquisto di un tagliacapelli. Esistono infatti dei tagliacapelli con cavo, ricaricabili, o con entrambe le possibilità. La scelta è ovviamente personale ma vogliamo dare alcune indicazioni così da arrivare a comprendere quale possa essere quella più adatta alle proprie esigenze.

I tagliacapelli con cavo sono i modelli generalmente più potenti. I tagliacapelli professionali, infatti, in genere sono dotati di questo tipo di alimentazione che garantisce risultati ottimali. Lo svantaggio è quello di avere il cavo sempre lì presente, cosa che può dare fastidio.
Ci sono poi apparecchi ricaricabili, dunque con batteria. In questo caso la comodità è quella, ovviamente, di non avere un cavo da dover gestire nella fase di taglio. La potenza è però inferiore rispetto ai modelli con cavo. Ci sono modelli ricaricabili che consentono l’utilizzo anche quando sono collegati alla corrente elettrica e dunque sono più versatili. In generale, quando parliamo di tagliacapelli ricaricabili, dobbiamo sapere che esistono due tipologie di batterie:

  • Batterie al Li-Ion: sono più resistenti e dunque con il tempo non portano al peggioramento delle prestazioni; queste batterie si possono ricaricare anche quando non sono completamente scariche; i tempi di ricarica sono molto veloci;
  • Batterie Ni-Mh: non si possono ricaricare se la batteria non è totalmente scarica; con il passare del tempo possono perdere in parte potenza; i tempi di ricarica sono molto lunghi.

Ma qual è l’autonomia di un tagliacapelli ricaricabile? In genere varia da mezz’ora a un’ora e mezza.

Funzioni

Sono diverse le funzioni che i tagliacapelli possono avere, sia ricaricabili che con cavo. E’ importante tenerne conto prima di procedere con il proprio acquisto, così da sapere cosa aspettarsi. Di seguito ve le elenchiamo:

  • Regolazione taglio senza pettine, fino a 3 millimetri: in genere è una funzione che hanno i tagliacapelli a rete.
  • Display digitale: fornisce informazioni sulla batteria, il tempo rimanente e talvolta anche sulla necessità di pulire l’apparecchio.
  • Wet & Dry: grazie a questa funzione, il tagliacapelli può essere sciacquato anche sotto l’acqua, senza comprometterne il funzionamento.
  • Turbo: rende possibile aumentare la velocità.
  • Indicatore di precisione: indica a quale lunghezza si stanno tagliando i capelli.
  • Rifinitore: con questa funzione si possono tagliare i capelli in maniera più rifinita in alcuni specifici punti.
  • Aspirazione: rende possibile aspirare i capelli mentre si effettua il taglio, facendoli finire in un serbatoio.
  • Blocco: si può bloccare l’apparecchio per evitare che si azioni in maniera accidentale.

I tagliacapelli possono possedere più o meno funzioni, che ovviamente li rendono più o meno efficienti. In base alle proprie esigenze si deve considerare cosa possa essere più o meno utile.

Dimensioni

Esistono tagliacapelli di dimensioni differenti e tale elemento influisce sul taglio finale. Dunque le dimensioni non sono un elemento da sottovalutare perché sono molto più importanti di quello che si possa immaginare. Infatti ne conseguono la praticità nel taglio e la precisione del risultato. Anche il peso non va preso sotto gamba, soprattutto se si viaggia molto e si porta con sé il tagliacapelli per averlo in ogni circostanza.

I tagliacapelli professionali sono molto più grandi e pesanti degli altri. L’ampiezza è generalmente di 46 millimetri. Tali prodotti, pur essendo di alta qualità, sono sconsigliati per chi taglia autonomamente i capelli. Se invece è qualcun altro a farlo, allora il discorso cambia. Ovviamente questa categoria non è adatta per lavori di precisione.
Ci sono poi i tagliacapelli senza filo, comodi anche per i tagli fai da te. Spesso tali prodotti hanno una forma a L che li rende particolarmente maneggevoli così da poter arrivare, senza problemi, anche alla nuca.
Esistono prodotti a metà tra i tagliacapelli professionali e quelli per la barba. Sono decisamente più comodi da maneggiare e inoltre si possono utilizzare anche per regolare la lunghezza della barba. La loro ampiezza è di 40 millimetri in genere.

Accessori

I tagliacapelli in commercio dispongono di alcuni accessori. Ce ne sono diversi da considerare, ovviamente in base alla loro utilità. Primi tra tutti ci sono i pettini regolatori, di cui vi abbiamo parlato sopra, che possono garantire più o meno posizioni di taglio. Ogni modello sarà provvisto di un numero differente di tali accessori. Ma per tagliare i capelli in maniera autonoma servono anche altri elementi:

  • sacca morbida o custodia rigida: molti tagliacapelli arrivano con questo accessorio in dotazione, particolarmente utile soprattutto per viaggiare;
  • base per la ricarica: i modelli senza filo possono essere ricaricati grazie a questo accessorio in maniera molto pratica e comoda;
  • kit per la manutenzione del tagliacapelli: in questo si può trovare un olio per la lubrificazione delle lame e un pettinino per averle sempre pulite, da usare a seguito di ogni taglio

Oltre a questi accessori, contenuti direttamente nella confezione, può essere utile dotarsi anche di una mantellina, da indossare durante il taglio. Un pettine a denti stretti e delle forbici da barbiere possono inoltre essere utilizzati dai “più esperti” per alcune rifiniture. La scelta di questi accessori dipende ovviamente dalle esigenze personali perché non a tutti possono risultare utili o indispensabili.

I prezzi dei tagliacapelli

Se state pensando di acquistare un tagliacapelli, non potete di certo prescindere dal suo costo. Sul mercato si trovano moltissimi prodotti differenti anche dal punto di vista del prezzo. Ma quest’ultimo incide sulla qualità? In parte sì e in parte no. Infatti non è sempre detto che un prodotto in offerta o che costa un po’ meno sia scadente. Tutto dipende dai materiali, dalla potenza, dalla facilità di utilizzo e via dicendo. Spesso però un costo alto può essere legato a caratteristiche superiori. Dunque possiamo fare una distinzione in base a tre fasce di prezzo:

  • Fascia alta, 80-150 euro: in questa fascia di prezzo si trovano tendenzialmente i prodotti più resistenti, con una batteria migliore, con un numero congruo di accessori. Ovviamente se si arriva verso i 150 euro si trovano i tagliacapelli migliori sul mercato, e addirittura ci sono dei prodotti professionali. La precisione del taglio è garantita così come la durata nel tempo, senza un calo delle prestazioni.
  • Fascia media, 50-80 euro: i pettini regolatori sono sufficientemente robusti, e la batteria è di buona qualità, con dei risultati migliori rispetto ai modelli più economici. Ci può essere però una difficoltà nel trovare dei pezzi di ricambio e accessori utili.
  • Fascia bassa, 10-50 euro: si tratta di una fascia molto economica. Spesso i prodotti a 10 euro possono essere di marche poco affidabili ma è possibile anche trovare tagliacapelli a offerte molto vantaggiose. Sicuramente la qualità non è delle migliori ma va aumentando quando ci si avvicina ai 50 euro.

La scelta di un modello appartenente a una fascia piuttosto che un’altra dipende non solo dalle caratteristiche del prodotto. E’ essenziale anche capire qual è l’uso che se ne fa, quanto sia necessario regolare il taglio, e via dicendo. Si consiglia comunque di tenere sempre sott’occhio le offerte perché si possono trovare ottimi prodotti a prezzi molto vantaggiosi unendo così l’aspetto economico alla qualità.

Tagliacapelli e regolabarba: il vantaggio dei prodotti 2 in 1

Come abbiamo visto, alcuni modelli di tagliacapelli si possono usare anche come regolabarba. Si tratta dei modelli più piccoli e maneggevoli così da unire insieme due funzionalità e due prodotti. Sicuramente questa è la soluzione ideale per chi viaggia molto, per esempio per lavoro. In tal modo ci si può portare dietro un prodotto solo da usare per due scopi differenti. Sta di fatto che però i migliori tagliacapelli, ovvero quelli professionali, non sono idonei per tagliare anche la barba. Questo, come abbiamo visto, dipende dall’ampiezza delle lame.

Come si usa un tagliacapelli

Veniamo ora all’aspetto pratico riguardante l’utilizzo del tagliacapelli. Come si fa a ottenere un buon taglio? Come funziona questo apparecchio? Chi non ne ha mai fatto uso prima può infatti temere di sbagliare e compromettere per sempre il proprio look.

Il funzionamento del tagliacapelli dipende dal movimento della lama che taglia i capelli. I pettini regolatori vanno sovrapposti ad essa così da aumentare la distanza tra la cute e la lama. Così si può decidere la lunghezza del proprio taglio.

Prima di procedere è comunque necessario lavare i capelli e asciugarli. Bisogna poi stabilire una lunghezza e partire però con un taglio un po’ più lungo, soprattutto se sono le prime volte. In tal modo non si rischia di farli troppo corti senza poter tornare indietro. Al massimo, una volta terminato, si potrà intervenire nuovamente. Il tagliacapelli va utilizzato contropelo. Nell’area vicina alle orecchie e sul collo, meglio utilizzare il tagliacapelli senza pettine regolatore così da rifinire quelle zone.

Come pulire il tagliacapelli

Una volta utilizzato il tagliacapelli, va pulito utilizzando una spazzolina che viene data in dotazione nella confezione. In questo modo si andranno a rimuovere peli e capelli dalle lame. Tale operazione, che può sembrare noiosa, è in realtà molto importante. La manutenzione del tagliacapelli fa sì che tale prodotto duri più a lungo e che non si rovini nell’arco di poco tempo. Alcuni tagliacapelli dispongono di una piccola leva laterale che si può alzare e abbassare per poter rimuovere altri peli che possono sfuggire con la spazzolina.

Come abbiamo visto però esistono anche modelli wet & dry e tale funzione si rivela utile proprio per la pulizia. Infatti si può pulire il tagliacapelli direttamente con l’acqua, così da rimuovere in maniera ancora più efficiente qualsiasi residuo. Esistono dei modelli che consentono di smontare le lame per la pulizia e la manutenzione.

E’ necessario disinfettare i tagliacapelli? In realtà no perché in genere tali apparecchi non entrano a stretto contatto con la pelle. Tuttavia, qualora si voglia sterilizzare il tagliacapelli, è possibile farlo con dei prodotti specifici che non vanno a rovinarlo.

Come lubrificare le lame

Oltre a una pulizia accurata, per far sì che il tagliacapelli duri più a lungo e che le sue prestazioni siano perfette, è importante anche lubrificare le lame. Per farlo si deve utilizzare l’olio che tendenzialmente fa parte della dotazione di tali apparecchi. Comunque sul mercato sono disponibili diversi oli, anche dei regolabarba, tutti simili e che si possono utilizzare sulle lame.

L’applicazione dell’olio va effettuata quando il tagliacapelli è spento per poi accenderlo per alcuni secondi. Dopodiché si possono pulire le lame dall’olio in eccesso. Meglio non utilizzarlo immediatamente per tagliare i capelli perché altrimenti si rischia di ungerli.

L’importanza dei materiali nella scelta di un tagliacapelli

I materiali sono molto importanti nella scelta del giusto tagliacapelli. Infatti, migliore sarà la qualità e superiore sarà la durata. Dunque un tagliacapelli deve essere assolutamente robusto e anche il materiale delle lame fa la differenza, come abbiamo visto sopra. C’è poi da dire che i pettini distanziatori hanno un ruolo chiave. Devono essere realizzati in plastica dura e molto robusta altrimenti rischiano di rompersi alla prima caduta. Può capitare anche che la loro forma si modifichi durante l’utilizzo e questo ovviamente compromette la qualità finale del taglio.

Dove comprare i tagliacapelli

I tagliacapelli si possono acquistare tramite diversi canali di vendita. Ovviamente tutto dipende dal tipo di acquisto che serve, dall’utilizzo che si fa di un tale apparecchio. Se si ha bisogno di un tagliacapelli professionale, perché si vogliono effettuare dei tagli come dal barbiere, è possibile recarsi presso i negozi specializzati per parrucchieri e estetisti.

Se invece avete bisogno di un prodotto casalingo, ma volete comunque confrontare le varie opzioni, avete una doppia scelta:

  • negozi di elettronica: potete trovare un vasto numero di tagliacapelli di vari brand ottimi e a diversi prezzi, sulla base di tutte le caratteristiche di cui vi abbiamo parlato in questa sede;
  • siti di e-commerce: si possono trovare tagliacapelli di ogni marca e prezzo con il vantaggio di poter ricevere il prodotto a casa ma anche di poter consultare le recensioni di altri utenti.

Anche in questo caso la scelta di dove acquistare il proprio tagliacapelli dipende dalle proprie esigenze personali. Meglio però paragonare sempre i prezzi, così da poter fare un acquisto mirato.

Come scegliere la marca giusta

Esistono moltissimi brand che producono tagliacapelli che si attestano su diverse fasce di prezzo. Ovviamente le marche più conosciute possono essere garanzia di qualità. Meglio diffidare da brand del tutto sconosciuti, acquistando prodotti in negozi non particolarmente affidabili. Leggere le opinioni online può essere sicuramente di aiuto per capire quali siano le marche più affidabili per quanto riguarda proprio i tagliacapelli. Tra le migliori marche segnaliamo Oudekay, Remington, ELEHOT, Panasonic, Hatteker Brand, MIGICSHOW

Assunta De Rosa

Back to top
Apri Menu
sceltatermoconvettori.it